Menu
Sei in: News » 

Coronavirus, nessuna sospensione per fattura elettronica e invio corrispettivi

07 aprile 2020 In evidenza, Locations, Toscana Nord

Slitta invece l'invio telematico mensile dei corrispettivi degli operatori con volume d’affari inferiore a 400.000 euro che non utilizzano un registratore telematico.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare n. 8 del 3 aprile 2020, con cui ha fornito nuovi chiarimenti in merito al Decreto Cura Italia.

Nessuna sospensione per l’emissione delle fatture. Nel caso di interruzione delle attività a dall’11 marzo 2020 in base al Dpcm, nel caso in cui  il cedente/prestatore non avesse ancora emesso alcuna fattura fermo il ricorso a quella differita in presenza dei requisiti di legge, egli avrebbe comunque le seguenti alternative: 

✔ se non obbligato alla fatturazione elettronica tramite Sistema di Interscambio (SdI), emettere una fattura analogica o in formato elettronico ed inviarla al cessionario/committente;

✔ se obbligato alla fatturazione elettronica via SdI, deve inviarla come sempre entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione utilizzando il proprio portale fatture elettroniche oppure uno dei software offerti dall’Agenzia delle Entrate per predisporre ed inviare il documento.

Anche l’invio telematico dei corrispettivi non è stato sospeso. Tuttavia l’Agenzia ritiene che, in un’ottica di massimo favore per i contribuenti, le ipotesi in cui, memorizzato il corrispettivo , la trasmissione dei corrispettivi, non contestuale, sia stata legittimamente differita a un momento successivo (come ad esempio, per l’assenza di rete internet e/o per problemi di connettività del dispositivo).

Sospeso invece l’adempimento di sola trasmissione telematica mensile dei dati dei corrispettivi da parte degli operatori con volume d’affari inferiore a 400.000 euro, che non utilizzano ancora un registratore telematico, né la procedura web dell’Agenzia delle entrate e continuano a emettere scontrini o ricevute fiscali.

Analogamente, possono ricadere nella sospensione il termine di 60 giorni previsto per la trasmissione telematica dei corrispettivi generati dalla gestione di distributori automatici. Pertanto, se un gestore di un distributore automatico non è in grado di effettuare la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi entro 60 giorni dal precedente invio dei dati - poiché il tecnico incaricato di rilevare il dato presso il sistema è impossibilitato ad effettuarlo nel periodo di emergenza - sarà possibile effettuare la rilevazione e la trasmissione in un momento successivo.

Confesercenti Toscana Nord - Via Ponte a Piglieri, 8 - Pisa - Tel. 050 888000 - Fax 050 503119 - info@confesercentitoscananord.it - privacy