Menu
Sei in: News » 

I tabaccai chiedono l'esclusione dall'obbligo della moneta elettronica

08 novembre 2019 In evidenza, Locations, Toscana Nord

Il coordinatore Toscana Nord Adriano Rapaioli: "Le commissioni spesso sono più alte dei margini di guadagno".

“I prodotti sottoposti a regime di monopolio o in concessione, come tabacchi, valori bollati e giochi, vanno completamente esclusi dall’obbligo di pagamento con moneta elettronica. Le commissioni per accettare bancomat e carte sono infatti insostenibili per i tabaccai, cui è riservato un margine di pochi centesimi di euro anche sui servizi erogati al pubblico. Se non si interverrà al più presto, la rete è a rischio”.

Questa la posizione di Confesercenti Toscana Nord con il suo coordinatore Assotabaccai Adriano Rapaioli.

“Non si può pretendere di costringere piccoli imprenditori, per ricevere un pagamento, a sostenere cifre a volte anche più alte del nostro stesso margine di guadagno – insiste Rapaioli -. Per questo chiediamo che tabacchi, valori bollati, giochi e servizi al pubblico siano esonerati completamente dall’obbligo di accettazione della moneta elettronica. Sarebbe un atto di ragionevolezza, che eviterebbe aggravi inaccettabili per i rivenditori e che non avrebbe ripercussioni negative neanche sulla tracciabilità: sigarette, tabacchi e altri prodotti in regime di monopolio, infatti, sono già tutti sotto controllo”.

 

Confesercenti Toscana Nord - Via Ponte a Piglieri, 8 - Pisa - Tel. 050 888000 - Fax 050 503119 - info@confesercentitoscananord.it - privacy