Menu
Sei in: News » 

La Toscana rientra in zona arancione: cosa cambia

04 dicembre 2020 In evidenza, Locations, Toscana Nord

Ecco tutte le norme introdotte dall'ultimo Dpcm valide anche nell'auspicato ritorno in zona gialla previsto entro Natale.

La Toscana è tornata in zona arancione da domenica 6 dicembre. Con questo passaggio potranno riaprire tutte le attività commerciali (in sede fissa e su area pubblica) e i centri estetici. Inoltre i negozi, fino al 6 gennaio, potranno rimanere aperti sino alle ore 21. Si ricorda che dal 4 dicembre al 15 gennaio, nei giorni prefestivi e festivi, nei centri commerciali saranno aperti solo alimentari, farmacie, parafarmacie, sanitari, edicole, tabacchi e vivai.

Mentre per quanto riguarda bar e ristoranti, con il passaggio in zona arancione, potranno effettuare il servizio di asporto dalle 5 alle 22; ed è consentita, senza restrizioni, la consegna a domicilio.

Di seguito un riepilogo delle principali misure in vigore con il nuovo DPCM 3 dicembre.

SISTEMA AREE DI RISCHIO. Verrà ancora applicato il sistema delle regioni colorate. Il meccanismo permette di dosare gli interventi, adottando misure differenziate su base territoriale e in base al rischio effettivo dei territori. E’ ragionevole prevedere che nel giro di un paio di settimane, e comunque prima di Natale, tutte le regioni saranno gialle.

SPOSTAMENTI. Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati gli spostamenti tra Regioni e province autonome. Il 25, 26 dicembre e l’1 gennaio sono vietati anche gli spostamenti tra Comuni. Resta il coprifuoco nazionale dalle ore 22 alle ore 5. Il 31 dicembre sarà vietato spostarsi dalle ore 22 alle ore 7 del 1 gennaio. Previste le consuete deroghe per motivi di lavoro, necessità o salute, e per rientrare nel comune di residenza o nella casa in cui si ha il domicilio o abitazione.

NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI. Dal 4 dicembre al 6 gennaio i negozi potranno restare aperti fino alle 21, ad eccezione delle zone rosse. Dal 4 dicembre al 15 gennaio, nei giorni prefestivi e festivi, nei centri commerciali saranno aperti solo alimentari, farmacie, parafarmacie, sanitari, edicole, tabacchi e vivai.

MERCATI. In zona arancione e gialla potranno svolgere la loro attività sia il settore alimentare che extralimentare del commercio su area pubblica.

BAR E RISTORANTI. In area gialla bar e ristoranti saranno aperti, con il consumo al tavolo consentito dalle ore 5 alle ore 18 tutti i giorni. Massimo 4 persone al tavolo, se non conviventi. Dopo le 18 è vietato consumare cibi e bevande nei locali o per strada. Nelle zone gialle i ristoranti resteranno aperti a pranzo anche a Natale, Santo Stefano, Capodanno e l'Epifania. Nelle zone arancioni e rosse bar e ristoranti resteranno aperti dalle 5 alle 22 solo per l’asporto. La consegna a domicilio è sempre consentita.

ALBERGHI. Gli alberghi rimarranno aperti in tutta Italia, ma il 31 sera non sarà possibile organizzare veglioni e cene. I ristoranti degli alberghi dovranno chiudere alle 18: dopo quell’ora sarà consentito solo il servizio in camera.

RIENTRI DALL’ESTERO. Gli italiani che andranno all’estero tra il 21 dicembre e il 6 gennaio al rientro dovranno affrontare la quarantena di 14 giorni, come gli stranieri che arriveranno in Italia nello stesso periodo.

IMPIANTI SCIISTICI E CROCIERE. Gli impianti da sci resteranno chiusi sino al 6 gennaio. Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono sospese tutte le crociere in partenza, scalo o arrivo nei porti italiani.

SCUOLA. Dal 7 gennaio ricomincerà la didattica in presenza nelle scuole superiori: nella prima fase rientrerà in classe almeno il 75% degli studenti.

FESTEGGIAMENTI E VEGLIONI. Si raccomanda fortemente di non ricevere in casa persone non conviventi.

MESSE. Le funzioni religiose della notte del 24 dicembre saranno svolte in orario da permettere ai fedeli di tornare a casa prima del confinamento notturno. Inoltre verranno celebrate più messe a Natale per diluire la presenza di fedeli ed evitare assembramenti.

CINEMA, TEATRI E PALESTRE. Resteranno chiusi per tutte le festività.

PIANO ITALIA CASHLESS. Dall’8 dicembre prenderà il via l’Extra Cashback di Natale: fino al 31 dicembre chi paga con carte e App avrà un rimborso del 10% su tutti gli acquisti fino a €150 per singola persona. L’iniziativa non è valida per acquisti online: tale decisione è stata presa per favorire gli esercizi commerciali di prossimità. Per partecipare è necessario scaricare la App IO e identificarsi con Carta di Identità Elettronica o SPID.

Dpcm 3 dicembre>>>clicca qui

Allegato al Dpcm 3 dicembre>>>clicca qui

Confesercenti Toscana Nord - Via Ponte a Piglieri, 8 - Pisa - Tel. 050 888000 - Fax 050 503119 - info@confesercentitoscananord.it - privacy