Menu
Sei in: News » 

Rinnovato il contratto per i lavoratori del settore turismo

31 luglio 2018 In evidenza, Locations, Toscana Nord

Ecco i principali punti dell'accordo a cominciare dagli incrementi contributivi. Presso le nostre sedi tutte le informazioni.

In data 18 luglio 2018, tra Fiepet, Fiba, Assohotel, Assocamping,Assoviaggi, Assoturismo con la partecipazione di Confesercenti,Filcams – Cgil, Fisascat – Cisl, Uiltucs, è stata stipulata l’ipotesi di accordo per il rinnovo del Contratto Nazionale 4 marzo 2010 per i dipendenti delle aziende dei settori pubblici esercizi, ristorazione collettiva e commerciale, stabilimenti balneari e alberghi diurni e turismo, delle aziende alberghiere e complessi turistico-ricettivi all’aria aperta e delle imprese di viaggio e turismo, scaduto il 30 aprile 2013.

DECORRENZA E DURATA
L’accordo prevede delle durate diverse e, fatte salve specifiche decorrenze espressamente previste per i singoli istituti:
• per il settore dei pubblici esercizi, ristorazione collettiva e commerciale, stabilimenti balneari e alberghi diurni e turismo decorre dal 1° gennaio 2018 e scade il 31 dicembre 2021, sia per la parte economica che normativa;
• per aziende alberghiere, campeggi ed agenzie di viaggio, decorre dal 1° gennaio 2018 e scade il 31 dicembre 2018, sia per la parte economica che per quella normativa.

INCREMENTI RETRIBUTIVI
Pubblici esercizi, stabilimenti balneari e alberghi diurni Le Parti hanno convenuto un aumento retributivo a regime per il 4° livello, con relativa riparametrazione sugli altri livelli di inquadramento, pari ad euro 100,00 mensili.
Tale somma viene erogata in 5 tranches:
• euro 25,00 a partire dal 1° gennaio 2018;
• euro 20,00 a partire dal 1° gennaio 2019;
• euro 20,00 a partire dal 1° febbraio 2020;
• euro 15,00 a partire dal 1° marzo 2021;
• euro 20,00 a partire dal 1° dicembre 2021.

UNA TANTUM – ALBERGHI E CAMPEGGI
Le Parti concordano, esclusivamente a favore dei lavoratori dei comparti aziende alberghiere e complessi turistico – ricettivi all’aria aperta, in forza al 18 luglio 2018, a parziale copertura del periodo di carenza contrattuale, la corresponsione di un importo forfettario “una tantum”, suddivisibile in quote mensili, o frazioni, in proporzione alla durata del rapporto e all’effettivo servizio prestato nel periodo interessato.
Tale importo forfettario:
• è pari ad euro 936,00 lordi al 4° livello, da riparametrare sugli altri livelli contrattuali;
• va erogato in 5 rate mensili di pari importo a partire dalla retribuzione di agosto 2018, ai lavoratori che siano in forza alla data di decorrenza di tali rate;
• agli apprendisti in forza al 18 luglio 2018, l’una tantum sarà erogata in misura riproporzionata al trattamento economico applicato, con le medesime decorrenze;
• viene ridotto proporzionalmente per i casi di assenze o aspettative non retribuite, assenze per congedo di maternità e/o parentale, part-time, sospensioni e/o riduzioni dell’orario di lavoro concordate con accordo sindacale;
• non incide sugli istituti contrattuali diretti e differiti, ivi incluso il TFR.
Gli importi eventualmente già corrisposti a titolo di futuri aumenti contrattuali e/o miglioramenti contrattuali vanno considerati a tutti gli effetti anticipazioni degli importi di “una tantum” e sono da considerarsi assorbiti dalla stessa una tantum fino a concorrenza. Le eventuali anticipazioni cessano di essere corrisposte con la retribuzione del mese di gennaio 2018.


QUATTORDICESIMA MENSILITÀ – PUBBLICI ESERCIZI
Con riferimento al comparto dei pubblici esercizi, ristorazione collettiva e commerciale, stabilimenti balneari e alberghi diurni, a decorrere dai ratei maturati da gennaio 2018, a tutto il personale sarà corrisposta una mensilità della retribuzione in atto al 30 giugno di ciascun anno (paga base nazionale, indennità di contingenza, eventuale terzo elemento o quote aggiuntive provinciali, eventuali trattamenti integrativi salariali aziendali comunque denominati), esclusi gli assegni familiari e gli scatti di anzianità maturati. La corresponsione della 14ma avviene con la retribuzione del mese di luglio 2018.
Nell’ipotesi di prestazione lavorativa ridotta e/o di rapporti di lavoro iniziati e/o conclusi nel corso dei 12 mesi precedenti il 1° luglio, ai fini della determinazione dei ratei di 14ma, le frazioni di mese saranno cumulate. La somma così ottenuta comporterà la corresponsione di un rateo mensile per ogni 30 giorni di calendario, nonché per la eventuale frazione residua pari o superiore a 15 giorni.

  • Bandi Ambulanti

    Bandi ambulanti

Confesercenti Toscana Nord - Via Ponte a Piglieri, 8 - Pisa - Tel. 050 888000 - Fax 050 503119 - info@confesercentitoscananord.it - privacy