Menu
Sei in: News » 

Somministrazione di lavoro, obbligo di comunicazione ai sindacati

11 gennaio 2019 In evidenza, Locations, Toscana Nord

Entro il 31 gennaio 2019 per le aziende che hanno utilizzato, nel corso del 2018 lavoratori tramite le agenzie. Rivolgiti alle sedi Confesercenti Toscana Nord per chiarimenti e per l'espletamento della pratica.

Entro il 31 gennaio 2019 le aziende che hanno utilizzato, nel corso del 2018 (1° gennaio–31dicembre), lavoratori tramite le agenzie di somministrazione, dovranno effettuare una comunicazione annuale obbligatoria alle rappresentanze sindacali aziendali (RSA) ovvero alla rappresentanza sindacale unitaria (RSU) o, in mancanza, agli organismi territoriali di categoria delle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, con i dati relativi ai contratti di somministrazione stipulati nel 2018.

Obblighi informativi delle aziende
L’obbligo comunicativo, contenuto nell’articolo 36, comma 3, del decreto legislativo 81/2015, incombe sull’’azienda utilizzatrice dei lavoratori somministrati e può essere realizzato anche per il tramite della associazione datoriale alla quale aderisce o conferisce mandato.

I dati obbligatoriamente richiesti sono:
- il numero dei contratti di somministrazione di lavoro conclusi;
- la durata dei contratti di somministrazione di lavoro conclusi.
- il numero e la qualifica dei lavoratori utilizzati.

 L’invio potrà avvenire tramite:
- consegna a mano,
- raccomandata con ricevuta di ritorno,
- posta elettronica certificata (PEC).

Ordinariamente, sono le Agenzie di Somministrazione che si attivano nel comunicare i dati all’azienda. Qualora l’azienda utilizzatrice non abbia ricevuto alcun rapporto, nelle prime settimane di gennaio 2019, circa i dati richiesti, è il caso di sollecitare l’invio dell’informativa, al fine di non incorrere nella sanzione prevista in caso di mancata comunicazione.

Sanzione
Qualora l’azienda utilizzatrice non provveda all’assolvimento dell’obbligo comunicativo ovvero effettua una comunicazione non corretta rispetto all’effettivo utilizzo dei lavoratori somministrati, è prevista una sanzione amministrativa da 250 a 1.250 euro (articolo 40, comma 2, del decreto legislativo 81/2015).

Rivolgiti alle sedi Confesercenti Toscana Nord per chiarimenti e per l'espletamento della pratica.

  • Bandi Ambulanti

    Bandi ambulanti

Confesercenti Toscana Nord - Via Ponte a Piglieri, 8 - Pisa - Tel. 050 888000 - Fax 050 503119 - info@confesercentitoscananord.it - privacy