Menu
Sei in: News » 

Coronavirus, già operativo il credito di imposta per gli affitti commerciali di marzo

25 marzo 2020 In evidenza, Locations, Toscana Nord

Il 60% può essere utilizzato da subito come compensazione nel modello F24. Solo per i fondi di negozi e botteghe e per le attività chiuse dal Dpcm 11 marzo.

Già operativo il credito di imposta, pari al 60% del canone di marzo, per gli affitti commerciali di quelle attività che hanno dovuto chiudere in virtù del decreto dell’11 marzo scorso.

L’Agenzia delle Entrate ha infatti sbloccato il provvedimento creando il codice tributo (6914) da inserire nel modello F24 esclusivamente in compensazione, codice già operativo. Il credito di imposta è quindi utilizzabile solo per compensare o pagare interamente altre tasse o tributi attraverso il modello F24 e per ora riguarda il 60% del canone del mese di marzo per immobili rientranti nella categoria catastale C/1,  “negozi e botteghe”.

Non si applica alle attività che sono state identificate come essenziali per il decreto dell’11 marzo e che quindi possono ancora svolgere il proprio lavoro.

In sede di compilazione del modello F24, il codice tributo 6914 è esposto nella sezione “Erario”, nella colonna “importi a credito compensati”, ovvero nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”. Il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno per il quale è riconosciuto il credito d’imposta (ad esempio 2020). 

Ovviamente viene confermato che tutti i versamenti fiscali e contributivi sono sospesi fino al 31 maggio 2020.

Confesercenti Toscana Nord - Via Ponte a Piglieri, 8 - Pisa - Tel. 050 888000 - Fax 050 503119 - info@confesercentitoscananord.it - privacy